SCALtramente

Calepino del G.A.L. Serre Calabresi/Alta Locride

Archivi delle etichette: girifalco

“Sete di sapere: acqua e territorio”: Girifalco, 25 agosto 2015

setedisapereIl G. A. L. Serre Calabresi/Alta Locride, con i Comuni di Girifalco, Borgia e Squillace, in collaborazione con la Pro Loco di Girifalco, nell’ambito della azioni del PSL Terrae Nostrae, organizza una manifestazione di animazione territoriale in linea con i temi di Expo 2015, sul tema “Sete di sapere: acqua e territorio”:

Programma:

Martedì 25 agosto 2015, Girifalco, Palazzo Ciriaco, Corso Roma:

Ore 18.30, Saluti: Pietrantonio Cristofaro (Sindaco di Girifalco), Francesco Fusto (Sindaco di Borgia),
Pasquale Muccari (Sindaco di Squillace), Renato Puntieri (Presidente Gal Serre Calabresi/Alta Locride);

Ore 19.00, Focus tematici: Acqua e ambiente ( Biologo Francesco Giuliano), Acqua e territorio (Geologo Emilio Vitaliano), Acqua e impresa (Cesare Cristofaro – Calabria Acqua Minerale sas);

Partecipano: Sindaci e amministratori del comprensorio, Enzo Bruno (Presidente Amministrazione Provinciale di Catanzaro), Arturo Bova (Consigliere Regione Calabria); alle ore 20.00 conclude
Corrado Martinangelo, Segretario particolare Ministro Politiche Agricole;

Ore 20.30: Degustazione prodotti tipici;
Ore 21.00: Mini cooking show con Almo Bibolotti
Ore 22.00: Intrattenimento musicale a cura di “Francesco Sinopoli quartet”;
Ore 18.30 – 23.00: Esposizione stands produttori e artigiani locali, a cura dell’associazione “Artigianando” c/o corso Roma a Girifalco;

Annunci

Firmate le convenzioni con le microimprese artigianali

Otto imprese del territorio hanno firmato nella sede del Gal Serre Calabresi/Alta Locride, assieme al Presidente Renato Puntieri, le convenzioni che regolano l’attuazione del progetto a sostegno della creazione e dello sviluppo delle imprese artigianali.

Le aziende firmatarie hanno sede in diversi comuni dell’area  del Gal (Chiaravalle, Cortale, Girifalco, Pazzano, Roccella, San Vito) e sono attive nei settori del legno e dell’edilizia, della pasticceria e della panificazione.

Con questo intervento, che prende le mosse da un bando a cui si è lavorato durante tutto il 2014 (un investimento complessivo, sul territorio, di circa 360.000 euro, di cui 175.000 circa rappresentano la quota pubblica), il Piano di Sviluppo Locale “Terrae Nostrae”, disegnato e gestito dal Gal Serre Calabresi/Alta Locride, mira a sostenere un nuovo modello di sviluppo nelle aree interne e rurali, attraverso il recupero e la valorizzazione di un saper fare storico o tradizionale capace di crescere di importanza fino a configurarsi – innescando anche specifici circuiti turistici – come una particolare forma di opportunità economica in cui l’aspetto socio-culturale riveste un ruolo fondamentale.

I lavori delle imprese beneficiarie si concluderanno, secondo le convenzioni firmate, entro la metà del 2015.

Lavoro a ritmo ascendente

Lavoro sempre più a ritmo ascendente per il GAL “Serre Calabresi-Alta Locride”, che tenta un dialogo per quanto possibile stringente e proficuo con il suo territorio di riferimento.

E’ di questi giorni la firma, acquisito il parere di coerenza programmatica dall’Autorità di Gestione del PSR Calabria, delle convenzioni con i beneficiari del secondo bando della Misura 227 del PSL Terrae Nostrae “Camminando per il bosco”: il Comune di Soverato intende ripristinare la sentieristica del suo giardino botanico sulla via Panoramica, mentre Guardavalle curerà la realizzazione del percorso didattico “Zessi”. Girifalco ha previsto la realizzazione di una recinzione e di un’area di sosta in località “Rimitello”, e altrettanto si propone di fare Cortale nell’area boscata di San Cosimo. Tutti e quattro gli interventi prevedono una spesa, interamente finanziata, che si aggira attorno ai 15.000 euro, e le convenzioni assegnano 180 giorni per la conclusione dei lavori entro 180 giorni dalla firma. i Comuni di Cenadi, Olivadi, San Vito e Camini, intanto, transitano nella graduatoria definitiva del 3° bando.La firma della convenzione con i rappresentanti del Comune di Girifalco

Il Presidente Puntieri si appresta a sottoscrivere le convenzioni anche per le  Misure 311/2  “Fattorie Aperte”, e 311/1 “Agriturismo”. Quest’ultimo intervento ha restituito però delle somme residue, che ne suggeriscono la ripubblicazione sul BURC.

E’ stata invece approvata una graduatoria provvisoria per la Misura 312 azione 2 “Sostegno per la creazione e lo sviluppo delle micro-imprese commerciali”,  che diverrà definitiva trascorsi 15 giorni senza richieste di riesame. Fanno parte della graduatoria provvisoria quattro aziende di Amaroni, Olivadi, e Guardavalle. Anche quest’ultimo bando, considerate le somme residue, torna sul BURC.

L’ultimo CdA, infine, ha approvato il bando della Misura 323 “Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale” che prevede interventi di salvaguardia con l’obiettivo di aumentare le capacità di attrazione delle aree rurali. Sono ammissibili investimenti tesi al recupero di edifici/strutture importanti dal punto di vista architettonico, storico, economico o culturale, facenti parte del patrimonio rurale, diretti a una utilizzazione pubblica del bene oggetto dell’intervento.

Come si vede un impegno a largo raggio. Tuttavia, la novità più interessante delle ultime settimane riguarda gli avvisi diramati per acquisire manifestazioni d’interesse in merito alla creazione e allo sviluppo di microfiliere di prodotti agricoli locali, e rispetto ad attività di valorizzazione e promozione del territorio.

Il primo dei due annunci si rivolge alle aziende (costituite o di nuova costituzione) del settore agricolo e agroalimentare interessate alla produzione e alla trasformazione dei prodotti già individuati dal PSL per la loro tipicità legata alla tradizione locale (prodotti senza glutine come mandorla, grano saraceno, miele, legumi, mais, liquirizia, luppolo e sesamo; nocciola; gelso e frutti di bosco; vitigni storici; maiale nero e latte di asina; bergamotto): il Gal intende contribuire a potenziare il sistema di microfiliera e creare le premesse per comportamenti culturali cooperativi che possano sprigionare nuove energie sociali ed imprenditoriali, anche attraverso la creazione di strutture comuni per il confezionamento, la certificazione, e la vendita.

Il secondo avviso riguarda invece le amministrazioni pubbliche, le associazioni, le organizzazioni, e ogni altro soggetto interessato a proporre idee con un adeguato grado di innovazione per la promozione del territorio. Progetti incardinati sulla memoria storica delle comunità locali e capaci di favorirne la conoscenza all’interno e verso l’esterno, che non manchino di analisi sulle risorse disponibili e sulle possibilità di innescare processi di partecipazione, crescita delle condizioni culturali, cooperazione tra gli attori locali.

I dati raccolti con questo tipo di indagine (già resa pubblica sul sito www.galserrecalabresialtalocride.it)  serviranno al Gal  non solo per definire meglio un quadro utile per assegnare, con i bandi che seguiranno, le  risorse disponibili. Più in generale, si tratta di mettere in moto un processo di conoscenza e di valorizzazione delle componenti territoriali, e di stimolare l’iniziativa e la crescita di tutta una serie di risorse umane e ambientali che aspettano di diventare produttive in chiave di sviluppo locale. Anche per questa ragione il GAL sta predisponendo una serie di incontri/forum nei 42 comuni del suo territorio con l’obiettivo dichiarato di offrire informazione sulle opportunità di finanziamento e di trovare e creare sinergie produttive e organizzative.